Gianni Di Lella | Pizzeria La Bufala – Maranello (Mo)

giannidilella
Un campano Doc in terra emiliana

Maranello è una cittadina emiliana, famosa in tutto il mondo per la Ferrari. Qui si trova la Pizzeria “La Bufala”, sorta nel 2011 ove si mangia un’ottima pizza e vi assicuro che questa non è una “bufala”!
Gli ospiti trovano squisita accoglienza; anche l’arredamento è speciale: la ruota di una Ferrari da gara fa da lampadario nella “saletta dei ricordi”.

giannidilella
Il locale

Titolare della pizzeria è Gianni Di Lella, che lavora con il padre Giovanni (chef) e la madre Tiziana (che si occupa dell’accoglienza degli ospiti). Originari della Campania sono fieri ed orgogliosi delle proprie origini. La loro caparbietà ha favorito un efficace inserimento nel territorio.
Gianni ha un marcato accento emiliano e si stenta a credere che sia un campano! Il cliente si sente da subito a proprio agio nella pizzeria “La Bufala”. La solarità di Gianni facilita l’accoglienza, ti sembra di conoscerlo da sempre. Nato a Cercola, vicino Napoli, non ha mai dimenticato le sue origini e da autodidatta, partendo dal classico impasto napoletano, ne ha sviluppato uno personalizzato che definisce come l’impasto dei Di Lella!
Ottimo ben idratato e digeribilissimo.  Il segreto è la materia prima di altissima qualità e l’uso appropriato del lievito madre. L’impasto ha una maturazione di 24 ore a temperatura controllata, una idratazione intorno al 68% ed composto da un blend di farine tra cui la doppio zero, la farina di riso artemide e quella integrale con grano franto.  Anche  il pomodoro di origine campana personalizzato con il suo nome, è reso dolce e profumato pur senza l’utilizzo di correttori o acido citrico. La sua filosofia è quella di utilizzare non molti ingredienti per i suoi topping, ma tutti di elevatissima qualità sia campani che emiliani selezionandoli in base alla stagionalità e alla reperibilità sul mercato. Il pizzaiolo sostiene che va bene utilizzare tecniche moderne di cucina per condire le pizze, ma non bisogna mai dimenticarsi della tradizione!

giannidilella
Il pizzaiolo al lavoro

Come prima portata ci vengono servite delle Montanarine fritte. Un classico della cucina campana! Si tratta di palline fritte di pasta per la pizza condite con salsa di pomodoro, mozzarella di bufala, parmigiano reggiano 60 mesi e basilico fresco. Sono morbidissime gustose e “scioglievoli” e ci danno un’idea ben precisa dell’impasto Di Lella.

giannidilella

giannidilella
Le “Montanarine”

La prima pizza in degustazione è un vero e proprio cavallo di battaglia. Si tratta della “Lasagna – Ricordo d’infanzia”, un omaggio alla terra che ha ospitato il pizzaiolo. La base è di fiordilatte campano con un ragù tradizionale Modenese e parmigiano reggiano 60 mesi.
Un profumo persistente, quello del parmigiano stagionato che grattugiato sulla pizza calda tende ad espandersi nell’ambiente e a inebriare l’olfatto. Al gusto è perfetta, ben bilanciata e perfettamente equilibrata dal punto di vista dei sapori. Sono stato in questo locale circa un anno fa, e ho notato che Gianni ha migliorato ulteriormente l’impasto rendendolo più leggero, ben alveolato e digeribilissimo. Segno questo della sua continua ricerca a livello di tecnica e materie prime utilizzate.

giannidilella
La pizza “Lasagna – Ricordo d’infanzia”

La seconda pizza in degustazione è la “4 stagioni in viaggio”. E’ la pizza per gli eterni indecisi per chi ha voglia di un po’ di pizza, un po’ di fritto e un po’ di calzone. E’ composta da un calzoncino fritto con fiordilatte e prosciutto cotto. Metà calzone al forno è cotto al forno con salsiccia sgrassata casereccia modenese e fiordilatte campano; l’altra metà è condita con funghi champignon, carciofini su fiordilatte. Originale e particolare nella forma e nel gusto. I prodotti utilizzati sono tutti di altissima qualità partendo dalla salsiccia fino ad arrivare ai carciofini.

giannidilella
La pizza “4 stagioni in viaggio”

La terza pizza che ci è stata servita, è un omaggio a Parma! La “Agrodolce”. E’ condita con prosciutto di Parma, stracciatella di bufala Campana e fichi cilentani, mixage di eccellenze territoriali. Infatti il prosciutto di Parma si sposa felicemente con la dolcezza del fico e col sapore deciso della mozzarella di bufala campana.

giannidilella

giannidilella
La pizza “Agrodolce”

La quarta pizza in degustazione è stata la Emilia, altro un omaggio all’ospitale terra con i prodotti d’eccellenza della Campania. E’ condita con cipolline all’aceto balsamico di Modena I.g.p., stracciatella di bufala e mortadella di Bologna. Le cipolline all’aceto balsamico contrastano finemente con il sapore intenso della mortadella e la freschezza della stracciatella messa a crudo a finitura della pizza. Anche questa è una portata che merita di essere degustata nella sequenza suggerita dal pizzaiolo.

giannidilella

giannidilella
La pizza “Emilia” 

Come dessert, ci sono state proposte delle Montanarine dolci con cannella, crema Chantilly e fichi del Cilento. Sono un ottimo happy ending dove l’impasto ben maturato, rende appetitosa e leggera anche questa portata.

giannidilella
Il dessert le “Montanarine dolci”

La tappa a Maranello è obbligatoria per chi si trova a passare da Modena e vuole gustare una buona pizza!
Gianni è un vulcano di idee ed uno sperimentatore incallito e per questo c’è sempre qualche novità da gustare.
Nel 2019, il pizzaiolo si è aggiudicato il premio come migliore pizza dessert per il Gambero Rosso e la sua pizzeria è stata inserita tra le migliori 100 d’Italia per gli Oscar della pizza 2019. Con la famiglia, in coppia o con gli amici è il luogo ideale in Emilia Romagna dove trovare il cuore e l’anima della Campania Felix.

Pizzeria La Bufala 
Piazza Giovanni Amendola, 1/2, 41053 Maranello MO
Tel. +39 0536 943661
Sito web: www.pizzerialabufala.it
Facebook: Pizzeria La Bufala
Instagram: Gianni Di Lella

© Vietata ogni riproduzione del testo e delle foto senza autorizzazione da parte dei titolari. Testi di Daniele Bracuto  Tutte le foto sono di Mauro Di Leva | Italia Gustosa

In the Food for Love

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *